Introduzione all'antico Testamento

Introduzione all'antico Testamento

Questo libro vuole introdurre al significato dell'Antico Testamento cristiano come un tutto e nelle sue singole parti. Tratta il 'grande' canone dell'Antico Testamento così com'è accolto nella tradizione cattolica fino ai nostri giorni (inclusi i cosiddetti libri deuterocanonici). Viene riservata una riflessione esplicita sull'Antico Testamento come prima parte della Bibbia cristiana; al contempo si pone in risalto che la parte più estesa degli scritti veterotestamentari è nata come Bibbia ebraica e che, in quanto tale, è viva all'interno dell'ebraismo.

Per mettere a fuoco e l'uno e l'altro aspetto, questa Introduzione ricorre alle designazioni di 'Tanak' e di 'Primo Testamento'. In questa Introduzione all'Antico Testamento di norma la trattazione di ciascun libro biblico segue una scansione in cinque punti: la struttura; l'origine; il contesto sia storico sia teologico; la teologia, nei suoi punti cruciali; la rilevanza per l'ebraismo e per il cristianesimo oggi.

A partire dall'obiettivo teologico che si propone, questa Introduzione un'opera maggiore degli studi biblici in campo internazionale cerca anche il dialogo con le altre discipline della teologia. L'edizione italiana è condotta sulla quinta edizione tedesca (2004, interamente rivista, rielaborata e aumentata) ed è stata pensata come manuale universitario, come testo per lo studio personale, e come orientamento per quanti vogliono lasciarsi 'introdurre' a una lettura scientificamente fondata del Libro dei libri.